Blog

Elimina la forfora dai tuoi capelli

Come eliminare la forfora? Il primo istinto è quello di darci dentro con lo shampoo, ma è un’idea decisamente sbagliata. E’ vero che i lavaggi devono essere frequenti ma lo shampoo non dev’esser né troppo aggressivo né troppo delicato, non fidiamoci di ciò che c’è scritto sopra l’etichetta ma controlliamo il retro dove c’è l’INCI e verifichiamo che non ci siano sostanza chimiche irritanti.

Occorre sempre usare, comunque, dei prodotti specifici (evitare i prodotti con alcol perchè questo secca la pelle), solitamente gli shampoo antiforfora contengono:

  • Zinco piritione, un agente antibatterico e antimicotico in grado d’inibire la proliferazione del fungo che può dar luogo alla dermatite seborroica;
  • Catrame di carbone che rallenta il ciclo vitale della cellula; Acido salicilico, ovvero una sorta di leggero scrub per il cuoio capelluto che rimuove la forfora senza seccare la pelle;
  • Solfuro di selenio che contrasta l’azione del Malassenzia furfur.

E’ fondamentale ricordare che non bisogna eccedere con l’uso di prodotti quali: lacca, gel, spume etc. Molto spesso sono irritanti per il cuoio capelluto.

Diversamente preferiamo gli shampoo bio e gli shampoo naturali che si possono fare con la farina di ceci, ma anche con la rucola. In caso di forfora è molto buona la combinazione bicarbonato di sodio impastato con l’acqua, usato come shampoo e poi risciacquo con l’aceto di mele.

Visto che una delle cause è lo stress un rimedio naturale è il relax, ovvero prendersi delle pause, dormire bene e magari praticare dello yoga.

Se il problema scaturisce dalla dieta, è bene eliminare i cibi che causano l’intolleranza e preferire cibi ricchi di zinco e vitamine del gruppo B ed H.

In caso di forfora, prendere il sole può essere un bene se non c’è irritazione mentre in caso contario è bene evitare.

Solitamente fra i rimedi naturali contro la forfora non si citano gli oli, perchè sovente il cuoio capellutto è grasso ma nel caso della forfora è interessante  l’olio di melaleuca (Albero del tè o Melaleuca alternifolia) che ha proprietà antibatteriche, antibiotiche e antimicotiche.

Un validissimo rimedio è costituito dall’ortica con la quale si possono preparare degli infusi per i massaggi con lo shampoo, per gli impacchi e per il risciacquo.

Molto bene anche limoni e pompelmo, sulla cute grassa, astringenti e riequilibranti.

Sono un buon rimedio naturale le maschere all’argilla o a base di hennè neutro. Lemaschere per capelli  con il tuorlo d’uovo sono molto utili ma si sconsiglia di aggiungere ingredienti grassi come la maionese, meglio preferire un po’ di aceto.

Molto bene anche gli infusi di menta, salvia e rosmarino. Ottimi i preparati a base di bardana, una pianta depurante.

Sono consigliati i risciacqui con il tè nero ed il tè verde o con gli infusi di timo.

Un altro buon rimedio naturale contro la forfora è la polpa o il succo di aloe vera. Possiamo applicarlo direttamente sui capelli e massaggiare un po’ perché penetri sia nei capelli che nel cuoio capelluto. Lasciamo agire tra 10 e 40 minuti e procediamo a sciacquare i capelli. Nel cuoio capelluto, l’aloe agisce eliminando i batteri e i depositi di grasso che ostruiscono i follicoli piliferi, essendo efficace nel trattamento della forfora e seborrea le quali, non curate in tempo, portano inevitabilmente allacaduta dei capelli.

Più specifico, soprattutto in caso di azione batterica e micosi è l’olio di tea tree, che va dosato bene e non utilizzato puro.

In ogni caso è sempre una buona idea farsi visitare da un dermatologo, specie se la cute è infiammata o se si tratta di un caso molto grave.

Forfora: consigli utili

Vediamo qualche consiglio per chi soffre di forfora.

Non grattare la cute, per non danneggiarla e non dar luogo a dermatite. Usare pettini a denti larghi e pettinarsi più volte al giorno. Non toccare i capelli con le mani sporche. Non usare il phon caldo a distanza troppo ravvicinata. Tenere d’occhio l’alimentazione ed in caso assumere degli integratori.